Prevenzione e risposta alla violenza di genere

 

Questo progetto ha come scopo quello di identificare e supportare la popolazione vulnerabile, bambini inclusi, esposti a violenza di genere nelle zone del Puntland affette da siccita'. Il progetto affronta sia i meccanismi di prevenzione sia quelli di risposta attraverso una combinazione di attivita' che si basano sull'esperienza consolidata nel settore e sulla presenza a lungo termine di GRT nell'ambito d'intervento. 


Obiettivo: 

Il principale obiettivo del progetto e' quello di rafforzare i meccanismi di prevenzione e di risposta agli episodi di violenza di genere nei confronti di donne e bambini nelle comunita' di Bosaso, Garowe e Galkayo colpite dalla siccita'. 

 

Descrizione delle attivita': 

Per poter implementare pienamente questo progetto, GRT ha portato avanti una serie di attivita' allo scopo di supportare i bambini piu' vulnerabili nelle localita' menzionate.

Durante la fase iniziale, si e' proceduto ad identificare in maniera sicura e confidenziale le vittime di violenza di genere, per lo piu' donne e bambini, e fornire loro trattamenti sanitari e supporto medico. In un secondo momento ai beneficiari e' stato fornito un supporto emotivo e sono stati loro proposti alcuni piani riabilitativi per il breve e lungo periodo. 

GRT ha poi fornito training inerenti il supporto psicosociale e la gestione dei casi di stupro e violenza di genere al personale sanitario e ha distribuito circa 450 kit sanitari a donne e bambine vittime di violenza di genere. 

Inoltre, campagne di sensibilizzazione su violenza di genere e protezione dei minori sono state condotte per sensibilizzare la comunita' su cause ed effetti negativi della violenza di genere, oltre a supportare la lotta contro la stessa. 

Beneficiari

 

I beneficiari diretti del progetto sono circa 4000 persone vulnerabili, gli sfollati interni e lo staff locale delle localita' di Bosaso, Garowe e Galkayo. I beneficiari indiretti del progetto sono stati circa 10,000 persone, secondo una stima approssimative delle persone raggiunte tramite programmi radio condotti durante le campagne di sensibilizzazione. 

Fondi

Minori in difficoltà

 

La strada e' un percorso formativo per molti bambini e allo stesso tempo rappresenta un contenitore ampio e fascinoso ma spesso terribile.

Questa e' la realta' dei bambini di strada in Nepal, Romania, Nicaragua, Somalia, ma anche delle grandi citta' europee, con i loro bambini stranieri non accompagnati.

Quello che GRT propone e' un incontro sui diritti e i desideri dei bambini prima ancora che una proposta riabilitativa. 

Somalia

 

Nella Somalia sud-centrale, in Somaliland e in Puntland decenni di guerra civile e instabilita' socio-politica hanno destabilizzato la salute mentale di intere comunita' e la capacita' delle persone di far fronte a situazioni di particolare stress emotivo e psicologico e' notevolemente diminuita. Come conseguenza di cio', i casi di persone malate di mente sono aumentati a dismisura arrivando a fare della Somalia uno dei paesi con il piu' alto tasso di persone colpite da malattie mentali nel mondo intero. 

Nella tradizione Somala le persone con malattie mentali sono da sempre oggetto di discriminazione, isolamento sociale e stigmatizzazione oltreché soggette ad incatenamento per impedir loro di muoversi o scappare. 

Tuttavia, nonostante la situazione preoccupante, la salute mentale continua a rimanere un tema totalmente trascurato in tutto il territorio Somalo. Le questioni inerenti la salute mentale non sono quasi mai una priorita' delle autorita' locali e l'investimento delle agenzie umanitarie sulla questione risulta estremamente basso, lasciando di conseguenza le organizzazioni locali incapaci di far fronte alla situazione e con poche risorse a disposizione. Questa situazione ha cosi creato una condizione per la quale la cura delle persone con disabilita' mentale e' interamente affidata alle loro famiglie o ai curatori tradizionali. 

In questo contesto GRT ha portato avanti diversi progetti allo scopo di aiutare le persona con problemi di salute mentale e le loro famiglie, oltreché favorire lo sviluppo di migliori centri di salute mentale e istituzioni.