GRT in Nicaragua

In Nicaragua GRT ha messo in atto numerosi progetti con risultati nel lungo periodo.

La prima tappa e' stata l' umanizzazione dell'ospedale psichiatrico di Managua, luogo di contezione disumanizzante, seguito dall'immane sforzo di ricerca nel riaccompagnare e sostenere i pazienti psichiatrici presso le loro famiglie e le comunita'. 

In un secondo momento si sono poi impostati progetti e attivita' di prevenzione e sensibilizzazione ai temi della salute mentale e si e' partecipato alla ristrutturazione dell'impianto dei servizi psichiatrici di territorio, prima a Managua poi nel nord del Paese. 

GRT ha poi sostenuto un centro diurno per bambini ad Estelí, lavorando intensamente perché i bambini potessero vivere nelle loro famiglie e/o nelle famiglie allargate ed ha lavorato nel carcere cittadino occupandosi dei diritti dei piccoli carcerati inventando e producendo prassi alternative alla carcerazione, piuttosto che provvedere alla costruzione di un carcere minorile come richiesto inizialmente. 

Considerata poi la cultura sociale del Nicaragua, dov'e' incredibilmente radicato il pensiero dell'autodeterminazione dei piccoli, spesso abbandonati e tante volte considerati i primi responsabili del sostenamento anche di fratelli, madri o nonne, GRT ha provveduto ad introdurre mediazioni culturali organiche a questo pensiero, in modo tale da produrre attivita' globali che vedessero i bambini protagonisti della loro vita e delle loro scelte, lavoratori si ma anche titolari di un adeguato diritto alla formazione e ad un armonico sviluppo psicofisico.  

I principi fondanti dell'intervento del GRT in Nicaragua sono scritti nel libro "Cooperazione in Nicaragua: la salute mentale. Teoria e pratica di psichiatria transculturale" a cura di Roberta Terranova Cecchini - Loris Panzeri. 

Beneficiari

 

I principali beneficiari dei progetti implementati da GRT in Nicaragua sono stati in primo luogo i pazienti psichiatrici degli ospedali e le loro famiglie e in un secondo momento i ragazzi e i bambini in difficolta' e con scarse prospettive future. 

Risultati

 

Il risultato essenziale, che si mantiene nel tempo, e' stata l'attivazione di una catena di interventi, anche informali, a favore della categorie di persone a rischio di emarginazione. 

L'attivazione di queste risorse collegate alle istituzioni del territorio ma indipendenti dall'organizzazione pubblica, ha retto anche in momenti di grave contrazione delle risorse pubbliche sociali. La formazione di base sulle tematiche dell'inserimento sociale ha creato una cultura di accettazione del diverso capillarmente diffusa e l'articolazione del sapere tecnico con le intuizioni riabilitative e risocializzanti dei volontari, ha dato forza al personale pubblico nel loro difficile compito di intervento e tutela terapeutica assistenziale e riabilitativa. 

Fondi

Image result for ministero degli affari esteri logo

 

Minori in difficoltà

 

La strada e' un percorso formativo per molti bambini e allo stesso tempo rappresenta un contenitore ampio e fascinoso ma spesso terribile.

Questa e' la realta' dei bambini di strada in Nepal, Romania, Nicaragua, Somalia, ma anche delle grandi citta' europee, con i loro bambini stranieri non accompagnati.

Quello che GRT propone e' un incontro sui diritti e i desideri dei bambini prima ancora che una proposta riabilitativa. 

Nicaragua

In Nicaragua il GRT ha portato a termine molti progetti sulla salute mentale e sui minori in difficoltà, focalizzandosi su importanti progetti di formazione del personale psichiatrico locale in modo da portare l'attenzione delle cure psichiatriche da un discorso di contenimento ad una cura comunitaria per arrivare a capire l'importanza della prevenzione.

I principi fondanti dell’intervento del GRT in Nicaragua sono scritti nel libro: “Cooperazione in Nicaragua: la salute mentale" - Teoria e pratica di psichiatria transculturale a cura di Rosalba Terranova Cecchini - Loris Panzeri.