Piccola Fardosa e Mama Aisha, storie dalla Somalia

La piccola Fardosa aveva solo poche ore di vita quando venne abbandonata dalla mamma vicino ad un campo rifugiati a Galkayo, nella regione Somala del Puntland. L’abbandono di minori non e’ cosa nuova in Somalia, in particolare quando la ragione di questo gesto cosi drammatico e’ la nascita del bimbo/a al di fuori del vincolo matrimoniale. Quando si presentano gravidanze fuori dal matrimonio infatti, le madri Somale molto spesso decidono, a malincuore, di abbandonare il neonato a causa dello stigma e della discriminazione associati al loro status. A volte i bambini sopravvivono, molte altre purtroppo no.

Nel caso della piccola Fardosa erano le 3:30 di mattina del 21 Maggio 2017 quando venne trovata da Mama Aisha, una donna rifugiata del campo di Galkayo, con 9 bambini a suo carico. A quell’ora del mattino, Aisha si stava preparando per la preghiera e cercando un bagno quando senti’ un pianto disperato da dietro un cespuglio.  Dopo essersi guardata intorno e aver trovato la piccola neonata, stanca ed affamata, Aisha decise di seguire il suo istinto materno e portare la bambina a casa, al sicuro.

La mattina seguente, la donna decise di recarsi dal leader del campo rifugiati e spiegare lui la situazione, in modo tale da poter denunciare il fatto alla polizia e presentarlo in tribunale. Cosi facendo, Aisha riusci’ ad ottenere la giusta documentazione per l’affido della piccola ed esser considerata una mamma adottiva a tutti gli effetti.

Il 1 Giugno 2017 il caso venne presentato allo staff di GRT e la bimba subito sottoposta ad un check-up medico. Vista la situazione della piccola Fardosa e di Aisha, lo staff di GRT, dopo aver consultato il donatore per l’approvazione, decise di inserire il caso nel progetto dedicato alle famiglie adottive, finanziato da SHF (Somalia Humanitarian Fund) e di dividere il budget dedicato a tale caso specifico in $150 dedicati alla piccola neonata e $150 per la famiglia adottiva. In questo modo GRT riusci’ a garantire un equo supporto generale, cosi come per le altre 30 famiglie adottive e 105 bambini supportati grazie al contributo di SHF.

Ad oggi, Fardosa ha 8 mesi, e’ in buona salute e riceve continuamente visite di controllo dal team di MOWDAFA ( Minister of Women Development and Family Affairs) e dallo staff di GRT.